Notizie
  • Presentato il nuovo logo CSAIn ciclismo
  • Nuova assicurazione in collaborazione con Lloyd e Axa
  • Registro CONI: valida fino al 30 giugno l’iscrizione anche senza attività sportiva e didattica
  • Il Consiglio CSAIn approva le nomine dei Giudici Unici territoriali
  • Luigi Fortuna rieletto Presidente per il prossimo quadriennio
  • CSAIn entra nel Forum del Terzo Settore
  • E’ uscito il numero di settembre della rivista
  • Assegnati i titoli nazionali Cronoscalata 2022
  • A Dolianova è andata in scena la prima Cronoscalata a Coppie

A Baldissero D’Alba (Cn) Ragazzini e Pacchiardo sugli scudi

Condividi

Una giornata ancorché calda per il periodo accoglieva un appena accettabile numero di corridori convenuti a Baldissero d’Alba per disputare la “Quinta Prova del Campionato Provinciale CSAIN” nel classico percorso detto dei “Castagni”.

La gara degli “Under 50” si apriva ad alta velocità, com’è tipico per gli animosi giovanotti come pure del tipo di percorso che vedeva in partenza una lunga discesa, seppur poco accentuata, ma senza continui scatti e contro scatti

La fuga decisiva prendeva origine nel corso del terzo giro ad opera dei seguenti corridori: Criscione (Bike4Langhe), Altare (Sanetti Sport), Mostaccioli e Moschini (Team Bike Pancalieri), Albiero (Garda Scott Matergia), Natali (Bike Space), Magliotto (Bicistore Cycling Team), Brusco (Roero Speed Bike).

Troppi per non destare l’attenzione di Pacchiardo (Aurantia) che, con una violenta progressione, distanziava il gruppo e rientrava sugli avanguardisti con a ruota Fissore (Team Bike Pancalieri), ovviamente quest’ultimo non collaborativo con l’alfiere della “Aurantia” visto che avesse due compagni davanti in fuga.

Si formava quindi un corposo drappello che procedeva senza esitazioni fino ad avere, al quarto giro, ben un minuto sul plotone inseguitore.

Provato dall’alta velocità, e dalle prime scaramucce fra i componenti della fuga, si rialzava Moschini, mentre alla quinta tornata il vantaggio sugli inseguitori, complice la scarsa concordia nel sobbarcarsi l’onere di tirare in testa, si riduceva a 44 secondi e ciò favoriva il rientro di tre corridori, Sanetti (Sanetti Sport), Marchetta (Aurantia) e Merlino (Bike Space), rientro che avveniva proprio in corrispondenza di un attacco di Pacchiardo, seguito lestamente da Criscione e Fissore.

L’estemporaneo trio procedeva spedito, ma Sanetti non ci stava a vederli andare via e perciò si metteva in testa e chiudeva sui tre ricomponendo il gruppetto di testa.

Gruppetto di testa dal quale ripartiva, più volte, Natali, come Fissore, quindi Sanetti, cercando l’allungo risolutore, ma ormai erano tutti all’erta e pronti a riportarsi sotto a chiunque avesse tentato il colpaccio da finisseur.

All’ultimo, concitato, chilometro, partiva nuovamente a tutta Fissore con a ruota Criscione, azione che sembrava essere quella buona giacché riuscivano a prendere qualche metro di vantaggio sul plotoncino ormai frantumato da scatti e contro scatti, ma era ancora Sanetti a chiudere d’imperio, riportando sotto ai due i componenti del gruppetto di testa in corrispondenza dell’ultimo strappetto.

Criscione, infaticabile, ripartiva, guadagnando nella breve discesa che introduceva alla altrettanto breve salitella ove era posto la linea d’arrivo, una ventina di metri, ma questi non gli erano sufficienti per cogliere il successo giacché il Pacchiardo, anch’egli lanciatosi nella breve discesa, faceva prevalere il proprio bruciante spunto superando a “doppia” velocità Criscione negli ultimi trenta metri, seguito da Magliotto, che conquistava così il gradino più basso del podio,  Mostaccioli, Merlino, Altare, Sanetti, Natali, Fissore, Brusco e Albiero.

La volata del gruppo era appannaggio di Dell’Erba (Ciclo Polonghera).

La prova degli “over 50” si apriva con un acuto del veloce Frulio (Sanetti Sport) che, grazie ad una violenta accelerazione, guadagnava poco più di un centinaio di metri sul gruppo.

Il tentativo di fuga dell’alfiere della “Sanetti Sport” si concludeva a circa metà dei falsipiani nella zona dei “Castagni” e da lì in poi

i giri si susseguivano senza che alcunché di significativo accadesse, visto che i tanti allunghi tentati dai più combattivi – quali il “solito” Panepinto, come dai suoi compagni della “Vigor Cycling Team”, Giletta e Ferracin -, venivano prontamente rintuzzati dal tetragono Carbone (Rodman Azimut) come da Lentini (Team Bike Pancalieri), Sciandra (Centro Edile Pedale Imperiese), Cenci (RistoroCycles Team), Pisani (AS Ciclismo), Ferrero (Endura Team), Bausardo e Ragazzini (Asnaghi MikeBau), Rovere (Bicistore Cycling Team), Crosa (Fornasari Auto), sempre davanti nelle fasi calde della corsa, come pure dall’infaticabile Stefania Sensi (Team Bike Pancalieri) spesso in avanscoperta.

Tuttavia, nulla accadeva fintantoché, al penultimo giro dei cinque previsti, erano a prendere convintamente il largo Benedetto (Polisportiva Pessionese) e il sopra menzionato Sciandra.

Riassorbiti i due poco prima dell’ultima breve salitella, superata la quale si udiva il suono della campana che segnalava l’inizio dell’ultimo giro, ci si ritrovava nuovamente a gruppo allungato e con il sentore che la gara si sarebbe conclusa con un arrivo in volata.

Tentava perciò, proprio per scongiurare un arrivo in volata a ranghi compatti, nei falsipiani adducenti alla zona dei “Castagni”, l’allungo risolutore Ragazzini che riusciva a guadagnare una manciata di secondi sul plotone; da questo fuoriusciva Bosticco (Ciclo Polonghera) con un’imperiosa accelerazione che lo riportava sul Ragazzini, col quale avviava prontamene una collaborazione volta a raggiungere il traguardo ormai prossimo.

Nel mentre evadeva prepotentemente dal gruppo Turco (Team Poirinese) con a ruota Bausardo che riusciva a ricongiungersi, dopo un breve inseguimento solitario, al duo di testa in corrispondenza della penultima asperità.

Si formava così un terzetto dove il Bausardo si metteva a disposizione del compagno Ragazzini, mettendosi a tirare in testa poiché il gruppo era prossimo e le ruote veloci ben intenzionate a giocare le proprie carte vedendo i tre ormai a tiro.

Ragazzini entrava in prima posizione nel breve rettifilo finale in leggera salita e manteneva tale posizione affiancato, ma non superato, da Bosticco e Bausardo.

Immediatamente dopo il trio di fuggitivi, era un ritrovato Ferracin a cogliere la quarta piazza, seguito, nell’ordine, da Cenci, Orlando (FCI), Sciandra, Pisani, Ferrero e Frulio, per citare i primi dieci della classifica.

Dopo essersi svolte con gradita rapidità le premiazioni – officiate dallo staff della CSAIN e coordinate dalla Presidentessa Elisa Zoggia -, nel consueto clima conviviale ed ilare che si instaura nel dopo corsa, ci si dava appuntamento per domenica prossima nel classico circuito di Murello (CN).

 

Guido Ragazzini

 

Classifiche Baldissero 4 settembre2022

Classifica Provinciale Strada

Gallery