Notizie
  • Presentato il nuovo logo CSAIn ciclismo
  • Nuova assicurazione in collaborazione con Lloyd e Axa
  • Registro CONI: valida fino al 30 giugno l’iscrizione anche senza attività sportiva e didattica
  • Il Consiglio CSAIn approva le nomine dei Giudici Unici territoriali
  • Luigi Fortuna rieletto Presidente per il prossimo quadriennio
  • CSAIn entra nel Forum del Terzo Settore
  • Sintesi e classifiche del Campionato Regionale Piemontese 2^ serie
  • Presentazione del Campionato Regionale piemontese 2^ serie
  • Cicloturistica di Successo a Rivoli: Un Record di Partecipazione

A Macello (To) successo di Guido Ragazzini ed Antonio Mostaccioli

Condividi

Una giornata scintillante e fresca accoglieva un esiguo numero di corridori in quel di Macello (TO), comune agricolo della piana pinerolese, per disputare la “Seconda Prova Campionato Provinciale Strada”. Il percorso, senza alcuna difficoltà altimetrica – l’unica criticità era rappresentata dal vento che spirava dalla pianura in direzione della montagna -, si sviluppava per una sorta di triangolo, lambente la località di partenza quindi Buriasco per poi riportarsi verso Macello, in prossimità della quale era posto l’arrivo.

Nella prima partenza, quella riservata ai corridori “Under 50”, compiuta una tornata del percorso, erano dapprima in otto, quindi in cinque ad avvantaggiarsi sugli avversari: Agù (Castagnone), Albiero (Garda Scott Matergia), Fantini (Roracco), Mostaccioli (Team Bike Pancalieri) e Pacchiardo (Aurantia).

Tuttavia, il “gruppo”, tirato dai forti passisti Tommaso e Lorenzo Boccardo (Team Poirinese) unitamente a Criscione (Bike4Langhe), recente vincitore della GF “Mangia e Bevi” svoltasi a Vercelli, si faceva sotto al quintetto di testa, annullando così il loro tentativo di fuga.

Al terzo giro, ben lontano quindi dalla conclusione dei sei previsti, approfittando di un rallentamento del gruppo, provava l’allungo solitario Albiero, prendendo un bel vantaggio sui diretti inseguitori; rompeva gli indugi Marchetta, intuendo che l’azione di Albiero potesse essere quella decisiva, proiettandosi in avanti con un paio di progressioni, prontamente seguito da Mostaccioli.

Dopo un breve inseguimento, il duo Aurantia-Team Bike Pancalieri riprendeva il fuggitivo, formando così un terzetto che senza ritrosie collaborava per restanti tre giri, fino a cinquecento metri dall’arrivo quando Albiero tentava un timido allungo lestamente chiuso da Mostaccioli che prolungava la propria azione fino a conseguire la vittoria per una manciata di centimetri su Marchetta. Terzo l’alfiere del “Garda Scott Matergia”, Albiero.

La quarta piazza era di Tommaso Boccardo dietro il quale si poneva Fantini e, a seguire, Boettti (Vigor Redmount), Camia (Bike4Langhe), Agù, Zavattero (Roracco) e Bruno (Team Poirinese, a completare la classifica dei primi dieci.

La corsa degli “Over 50” si apriva con i consueti attacchi e contro attacchi dai quali usciva Finotto (Team Bike Pancalieri) seguito da Ragazzini (Asnaghi Cucine). Il duo, niente affatto intimorito dal fatto che la corsa fosse al suo esordio e mancassero perciò parecchi chilometri alla sua conclusione, procedeva di comune accordo, ma il gruppo non ci stava e, dopo un breve inseguimento protrattosi per qualche chilometro, riacciuffava i due fuggitivi.

Un paio di giri del percorso trascorrevano fra continui tentativi di fuga, ma senza che alcuno di questi ne sortisse un’azione decisiva; era al terzo giro che, sotto impulso di Bonato (Team Santysiak), a cui si univano altri cinque corridori, Finotto, Ragazzini, Cenci (Ristorocycles Team), Ferracin (Vigor Cycling Team) e Alparone (Ciclo Polonghera), che si formava la fuga destinata a giungere all’arrivo.

L’accordo fra i sei si instaurava immediatamente per i tre giri rimanenti e l’armonia veniva rotta da Ragazzini all’ultimo giro tentando egli un allungo per andare all’arrivo, ma il suo tentativo era prontamente stroncato da Ferracin, alla cui ruota si ponevano gli altri quattro corridori. Curva secca a destra, imboccando la SP 159, un paio di veloci curve e partiva nuovamente Ragazzini che compiva in solitaria i circa due chilometri e mezzo che lo separavano dall’arrivo e conquistando così la prima posizione.

La seconda piazza era di Bonato, partito a cinquecento metri dal traguardo, a cui seguivano, nell’ordine, Ferracin, Cenci, Finotto e Alparone. La volata del plotone era appannaggio della ruota più veloce in gruppo, cioè Picco (Bike Delu Mapei) su Dell’Erba (Ciclo Polonghera), D’Apollo (Team Bike Pancalieri) e Bianco (Terre della Granda) a completare la rosa dei primi dieci.

Si passava quindi alle premiazioni nel solito clima festoso del dopo gara, dandoci appuntamento per la “Terza Prova Campionato Provinciale Strada” che si terrà sabato 6 maggio in quel di Poirino.

                                                                            Guido Ragazzini

Gallery