Notizie
  • Presentato il nuovo logo CSAIn ciclismo
  • Nuova assicurazione in collaborazione con Lloyd e Axa
  • Registro CONI: valida fino al 30 giugno l’iscrizione anche senza attività sportiva e didattica
  • Il Consiglio CSAIn approva le nomine dei Giudici Unici territoriali
  • Luigi Fortuna rieletto Presidente per il prossimo quadriennio
  • CSAIn entra nel Forum del Terzo Settore
  • Sintesi e classifiche del Campionato Regionale Piemontese 2^ serie
  • Presentazione del Campionato Regionale piemontese 2^ serie
  • Cicloturistica di Successo a Rivoli: Un Record di Partecipazione

Al Via 226 ciclisti per la tappa del Gran Trofeo Mediofondo in Valsesia

Condividi

VARALLO E LA VALSESIA PER UNA GRANDE TAPPA DEL CIRCUITO “GT GRAN TROFEO”, AL VIA 226 CICLISTI, L’ARRIVO AL PASSO DELLA COLMA CON PENDENZE FINO AL 15%. LA SODDISFAZIONE E’ TANTA.

Servizio Fabrizio Gulmini

 

Una bellissima salita! E’ stato questo il commento più ricorrente tra i 226 partenti della quarta tappa del circuito “Gran Trofeo Mediofondo” ideato e coordinato da Davide Morosino.

 

L’arrivo sul Passo della Colma a cavallo tra le province di Vercelli e Verbano Cusio Ossola dopo Km 8,5 di salita vera ma fattibile per tutti, al punto che anche i meno allenati gestendo con oculatezza le proprie forze, sono riusciti a portare a termine il tratto cronometrato e regalandosi una meritata soddisfazione.

 

Non è un caso, se all’affollato e ricco ristoro posizionato a pochi metri dal traguardo,

i tanti sorrisi ed i racconti di quanto successo, siano stati ancora una volta, gli ingredienti genuini di un challenge che ha come obiettivo principale, quello di fare divertire i concorrenti in una clima sereno, dove l’agonismo è il benvenuto e presente, ma altrettanto lo è, l’aspetto dell’esperienza legata alla passione per la bici al di la del risultato in classifica.

 

La giornata è iniziata di buon ora, alle ore 7.30 nella splendida e storica cornice di Piazza Vittorio Emanuele II a Varallo, dove la pregevole statua del primo Re d’Italia, ha dato l’ideale benvenuto ai partecipanti.

Il Teatro Civico, luogo per eccellenza di cultura ed arte posto proprio a ridosso del monumento, per alcune ore ha aperto le sue porte, questa volta per consentire le operazioni di segreteria e consegna dei pacchi gara al cui interno vi era tra l’altro un pregiato cappello griffato Named, da utilizzare con temperature più “frizzanti”.

Gli ampi spazi ed il rispetto del luogo, hanno favorito questo passaggio in maniera puntuale ed ordinata.

 

La piazza si anima sempre più, arrivano i gruppi delle squadre, alcune delle quali anche affrontando ben più di qualche chilometro per esserci, ed il colpo d’occhio dal Sacro Monte di Varallo, sito Unesco e patrimonio dell’umanità che domina dall’alto la piazza, regala la prima positiva sensazione di successo in termini di partecipazione.

 

Lo start delle ore 9 si avvicina, la concentrazione sale, l’auto di inizio gara si posiziona sotto l’arco di partenza, il Sindaco Pietro Bondetti e l’assessore allo sport Roberta Bonazzi di li a qualche secondo, abbasseranno la bandiera dando il via e la loro gioia e la gioia di tutti i presenti.

Tre, due, uno si sente scandire e finalmente si parte!

Nel gruppo di testa c’è Franco Mango Presidente del Velo Valsesia che non ha esitato un minuto a collaborare con il comitato organizzatore, mettendo a disposizione la perfetta conoscenza del territorio unita alla consolidata esperienza di tante gare, anche titolate, fatte negli anni.

E’ la gara di casa e la voglia di fare il massimo ha coinvolto anche la squadra che si è presentata numerosa al via.

 

I primi chilometri sono come consuetudine dietro macchina a velocità controllata, in perfetto coordinamento con la polizia locale di Varallo ed attraversando i paesi della Valsesia che si svelano poco a poco in tutta la loro bellezza.

Al chilometro quindici, la prima salita degna di questo nome è quella della Ferruta, affrontata dal versante di Borgosesia, ben conosciuta ed apprezzata da queste parti, non fosse altro per l’impegno che richiede nell’affrontarla. L’attacco con una media del 5% che sale costante all’8% per poi culminare con la doppia cifra, un bel 12%, che non lascia spazio ad interpretazioni.

 

Il gruppo si sfilaccia e compatta più volte come è normale in tratti impegnativi come questo, ma con il progressivo avvicinamento a Roccapietra, la più popolosa frazione di Varallo con più di seicento abitanti, si inizia a sentire nell’aria la giusta tensione emotiva.

La macchina di inizio corsa, anticipata dalle moto della scorta tecnica, transitano al “cancello” d’ingresso dove sono posizionati i transponder del cronometraggio, qui è tutto ok e di lì a pochi istanti, ecco sullo sfondo arrivare i corridori.

 

Ritmo sostenuto, favorito anche dalla presenza, a sorpresa, di un buon numero di giovani atleti provenienti dall’Olanda che, in zona per un Training Camp, hanno valutato come un’ottima opportunità, partecipare al “Gran Trofeo Valsesia”.

La salita con pendenze ad incremento costante, dal 5% al 15% si sono fatte sentire nelle gambe degli atleti/e, ma si sa, nessuno alla fine vuole mollare e ancora di più nella tappa di oggi, chi per mere questioni di classifica, piuttosto che per orgoglio personale.

 

Il Passo della Colma, conosciuto anche come Colma di Civiasco a quota 942 metri è l’epilogo di tanta sana fatica. Dai ventidue minuti e sedici secondi di Alessandro Barra (ASD Panache) che taglia per primo il traguardo della classifica generale, ai ventitrè minuti e quindici secondi di Michele Rezzani (Roadman Azimut Squadra Corse) che completa la top ten, troviamo i principali protagonisti del GT.

Cristiano Burzio (Garda Scott Matergia) 3°, Leonardo Mona (Roadman Azimut Squadra Corse) 4°, Lorenzo Alladio (Team Cycling Center) 5°, Giuseppe Lalli (Guidi-Rosasbike) al sesto posto. Stefano Long (Cyclosfera) 8°, Filippo Meazzi (Speedvelò) invece è nono. E gli atleti olandesi? Sven Van Der Werf è secondo, mentre Luuk Loohuis settimo.

 

Terminata la fatica, inizia il terzo tempo e dal ricco ristoro con acqua, sali, bibite, merendine e banane, si passa al rientro libero dei team in direzione Varallo, un momento che in ogni post tappa, regala momenti felici a tutti/e.

 

 

 

Arnaldo ed il suo staff nel frattempo preparano il risotto party, questa volta con salsiccia e barbera, si espongono le classifiche su tabelloni creati ad hoc e brandizzati GT, si prepara la videocamera per trasmettere in diretta streaming la cerimonia di premiazione ed eccoci all’atteso momento.

 

 

Lo speaker Fabrizio Gulmini e l’organizzatore Davide Morosino, alla presenza del Sindaco Bondetti, dell’assessore allo sport Bonazzi, del Presidente Velo Valsesia Mango, ringraziano tutti gli atleti/e rinnovando loro invito a scegliere Varallo come meta per prossime uscite in bici piuttosto che giorni di relax con la famiglia.

 

Le premiazioni si susseguono con il giusto brio e sul podio sfilano, oltre ai vincitori e piazzati fino al quinto posto nelle singole categorie, anche i rappresentanti delle prime tre società classificate, GCS Livorno Ferraris (pt. 1383), Roadman Azimut Squadra Corse ( pt. 1752) e Myg Cycling Team sempre al comando con 2068 punti.

 

Si tornerà a gareggiare Domenica 28 Maggio con partenza dal Castello Ducale di Agliè per poi affrontare l’inedita salita di “Pian del Lupo”. L’evento sarà come sempre anticipato dalla puntata in diretta Facebook sulla pagina ufficiale del GT Gran Trofeo in onda Venerdì 26 Maggio alle ore 20.30, dove sarà mostrato in anteprima il video di ricognizione del tracciato di gara, oltre a tutte le ultimissime informazioni per iscriversi alla tappa.

 

Link classifiche Risultati – Mediofondo della Valsesia | ENDU

 

Link video gara https://fb.watch/j-M9CAHQqS/

Gallery