Notizie
  • Presentato il nuovo logo CSAIn ciclismo
  • Nuova assicurazione in collaborazione con Lloyd e Axa
  • Registro CONI: valida fino al 30 giugno l’iscrizione anche senza attività sportiva e didattica
  • Il Consiglio CSAIn approva le nomine dei Giudici Unici territoriali
  • Luigi Fortuna rieletto Presidente per il prossimo quadriennio
  • CSAIn entra nel Forum del Terzo Settore
  • In onda la sintesi del Campionato Regionale Strada Piemonte
  • Video Premiazione del Campionato Regionale Piemontese Strada 2024
  • Campionato Nazionale MTB Csain a Sant’Agata Sui Due Golfi

Successo organizzativo per la cicloturistica di Vigevano

Condividi

La commozione supera anche gli imprevisti, come gli intoppi (per motivi di incomprensioni tra organizzatori e fornitori del materiale) che hanno inficiato le prove a cronometro. Infatti non esiste un elenco dei premiati della cicloturistica “Medio Fondo Città di Vigevano”, svoltasi domenica scorsa con partenza e arrivo da piazza Ducale.
La seconda edizione è stata organizzata ancora dall’Asd Ciclisti Vigevanesi. Erano in 183 ciclisti totali. Un dato: meno vigevanesi rispetto al 2022, ma più iscritti in senso assoluto. La piazza Ducale, bellissima, diventa anche un viatico turistico e persone appassionate di ciclismo hanno voluto visitarla col pretesto di una pedalata. O pedalare col pretesto di visitarla, che è a ben vedere la medesima cosa.
Un’importante donazione (l’ammontare del ricavato non viene reso noto per scelta) è stata devoluta alla Fucina, associazione di volontariato che opera a Vigevano nel campo della disabilità.
«Fuorché il problema per quel che riguarda la prova a cronometro, oggettivo e quindi non trascurabile – aggiunge Ambrogio Cottino, dell’Asd Ciclisti Vigevanesi – è stata una bellissima giornata di ciclismo amatoriale e di festa, baciata da un clima ideale. Siamo stati supportati a dovere sia dal Comune di Vigevano sia da Pavia, che ci ha garantito un transito senza intoppi, liscio come l’olio. Tutti hanno gradito». Avis compresa: la sezione vigevanese dell’Associazione Volontari Italiani del Sangue, che patrocinava l’iniziativa e ha collocato uno stand informativo, ha potuto farsi conoscere ancora di più. Ogni atleta ha portato a casa un riconoscimento. «Lo scopo – conclude Cottino – del resto era quello di donare. Abbiamo donato e siamo felici. Abbiamo anche pedalato, la nostra passione». Ci sono le premesse per l’edizione 2024…

Gallery