Notizie
  • Presentato il nuovo logo CSAIn ciclismo
  • Nuova assicurazione in collaborazione con Lloyd e Axa
  • Registro CONI: valida fino al 30 giugno l’iscrizione anche senza attività sportiva e didattica
  • Il Consiglio CSAIn approva le nomine dei Giudici Unici territoriali
  • Luigi Fortuna rieletto Presidente per il prossimo quadriennio
  • CSAIn entra nel Forum del Terzo Settore
  • In onda la sintesi del Campionato Regionale Strada Piemonte
  • Video Premiazione del Campionato Regionale Piemontese Strada 2024
  • Campionato Nazionale MTB Csain a Sant’Agata Sui Due Golfi

Mediofondo Superga: una sfida epica tra Montanaro e la Basilica di Superga

Condividi

a cura di Fabrizio Gulmini

Domenica 7 Aprile, la pittoresca cittadina di Montanaro, situata ai piedi delle Alpi, è stata il palcoscenico di una competizione ciclistica senza precedenti la Mediofondo Superga.

Questo evento, valido come terza tappa del circuito GT Gran Trofeo ha attirato oltre duecento partecipanti pronti a sfidare le asperità dell’impegnativo percorso allestito dal patron del challenge Davide Morosino.

La partenza è avvenuta poco dopo le 9 del mattino dal centro di Montanaro.

I ciclisti hanno affrontato un primo tratto a velocità controllata di una trentina di chilometri, preparandosi per la vera e proprio sfida ossia la salita verso la leggendaria Basilica di Superga.

Il tratto agonistico, da Sassi a Superga, presentava pendenze comprese tra il 5% e il 15%, mettendo alla prova la resistenza e la determinazione dei partecipanti.

Gruppo compatto nel primo chilometro e mezzo della salita, ma poi è iniziata la selezione con una prima fuga di un gruppo composto da una quindicina di atleti che ha alzato il ritmo di gara staccando gli avversari.

A metà percorso Giovanni Ottonello prende l’iniziativa e con una grinta incredibile si alza sui pedali e inizia a scalare con una progressione costante il tratto più impegnativo quello a doppia cifra 10, 15% di pendenza. Giulio Sarasso resiste e tiene la ruota ma Ottonello non molla, anzi rilancia ulteriormente, spegnendo così tutte le speranze degli avversari e tagliando il traguardo a braccia alzate con il tempo finale di 15’56”. Testa a testa nel finale tra Sarasso che precede Enrico Bertot. Seguono Lorenzo Alladio, Davide Erbetta, Leonardo Mona, Michele Rezzani, Simone Donghi, Alessandro Ottino e Cristian Allamanno.

Nella gara femminile per le W1 vittoria di Silvia Milone 21’22, W2 Sabrina De Marchi 22’15”, W3 Monica Coppo 21’50”.

Ecco tutti i vincitori delle altre categorie: ELMT Giulio Sarasso 16’40”, M1 Giovanni Ottonello 15’56”, M2 Alessandro Ganio 17’41”, M3 Lorenzo Alladio 16’48”, M4 Davide Erbetta 17’04”, M5 Dario Salvaderi 17’47”, M6 Roberto Personeni 18’50”, M7 Aldo Zanacchi 19’53”, M8 Michele Cocomazzi 22’16”.

Gli arrivi a Superga sono stati epici, con i corridori che hanno tagliato il traguardo di fronte alla maestosa basilica, con lo sfondo delle Alpi che si stagliavano all’orizzonte. La fatica è stata ricompensata dalla vista mozzafiato e dalla soddisfazione di aver conquistato una delle salite più iconiche per gli amanti del ciclismo.

Dopo l’arrivo, i partecipanti si sono rifocillati con un ricco ristoro allestito nei pressi del piazzale della basilica avendo anche la possibilità di scambiarsi opinioni sulla corsa, condividendo aneddoti e sfide personali. La bellezza della basilica di Superga, con la sua architettura barocca e la vista panoramica sulla città di Torino, ha aggiunto un tocco di magia a questo primo momento conviviale.

Il terzo tempo firmato GT Gran Trofeo è stato aperto dal gustoso risotto party, curato con maestria da Arnaldo Pozzati coadiuvato dal suo rodato staff.

A seguire la cerimonia di premiazione alla presenza di Elisa Zoggia, consigliere nazionale CSAIn, Paolo Minetti, Vice sindaco e assessore allo sport del comune di Montanaro, Arcangelo Gallon e Luca Rastaldo Presidente del circolo Endas Roberto Bello.

Sul podio i vincitori assoluti, ed ancora le prime tre società che partecipano alla classifica a punti e quindi tutti/e gli atleti/e delle singole categorie.

La Mediofondo Superga è stato molto più di una semplice gara ciclistica: è stata un’esperienza che ha unito sport, paesaggio e passione, lasciando un segno indelebile nei cuori di tutti i partecipanti.

Un successo sotto tutti i punti di vista anche per l’ideatore ed organizzatore Davide Morosino che ha vinto la sua personale sfida, riuscendo nell’impresa anche in questo caso epica, di coordinare tutto lo staff per un evento che a livello di ciclismo amatoriale è reso ancora più complesso al fine di ottenere le autorizzazioni e la chiusura della strada nel tratto agonistico.

Prossimo appuntamento con il GT Gran Trofeo Domenica 14 Febbraio con la Mediofondo Cavour

a Livorno Ferraris (Vc).

Gallery